Chiudi mappa

Palazzo Manganelli

Il Palazzo Manganelli è uno dei più antichi e notevoli edifici della città, sito nel centro storico, nell’omonima piazza situata in una traversa di via San Giuliano.
È stato edificato nel 1400 su richiesta della famiglia Tornabene, la quale fruiva del piano nobile, quasi privo di ornamenti e decorazioni. Nel 1505 il palazzo fu venduto ai baroni di Sigona, nobile famiglia siciliana. Nel 1693, come tantissimi altri edifici, fu danneggiato dal terremoto che colpì l’intera Sicilia orientale. Fortunatamente le mura perimetrali rimasero quasi intatte, così che alcuni architetti, come Alonzo Di Benedetto e Felice Palazzotto, poterono realizzare un progetto di ricostruzione e di ampliamento. Altri lavori, che portarono dei cambiamenti nell’edificio, risalgono al 1873 per opera di Ignazio Landolina, quando in via San Giuliano il terreno fu portato al di sotto del livello del palazzo. È di quegli stessi anni l’edificazione dell’ultimo piano. L’ultima significativa variazione interna al palazzo risale sempre al XIX secolo, quando una parte del secondo piano fu addobbato nuovamente con rinnovate concezioni architettoniche a opera del pittore zafferanese Giuseppe Sciuti e del pittore fiorentino Ernesto Ballandi.

Oggi il palazzo, grazie alla sua ampiezza, si presta come splendida location per cerimonie ed eventi di ogni genere. Presenta al suo interno, nel maestoso salone delle feste, nella sala delle dame e in quella dei cavalieri, un'architettura in stile tardo barocco, stesso stile caratterizza l’esterno dell’edificio. Tipico del periodo è, inoltre, il vasto giardino pensile, disposto su due livelli collegati da una scalinata, avente due fontane e un ninfeo.



Nelle vicinanze (150 m.)


Altri in Palazzi